Approfondimenti economici

08/10/2015 18:21

L’avvento dell’era digitale ha creato nuove figure professionali all’interno del mondo del lavoro, così come ha modificato le competenze richieste dagli uffici del personale delle società. Osservatori.net ha prodotto un’infografica per spiegare il cambiamento, per descrivere quali sono le ‘digital skill’ più ricercate e quelle più difficili da trovare.

 

Marketing, Information technology e risorse umane sono i settori più invasi dalle nuove professioni 2.0. C’è domanda quest’anno più che altro per customer relationship manager, per migliorare l’efficacia delle relazioni con la clientela, digital marketing manager, il cui ruolo è la gestione e l’ottimizzazione delle interazioni digitali, e chief innovation officer, una figura di alto livello che ha l’obiettivo di proporre modelli innovativi per il business dell’impresa.

La figura professionale più difficile da reperire è quella dello chief digital officer, seguono i data scientist e i chief innovation officer. Poi digital strategist e professionisti dell’ecommerce e della sicurezza nel mondo digitale.

 

Le risorse umane sono il settore più concentrato nel capire e trovare figure professionali che abbiamo le competenze adatte per il mercato 2.0. Si trasforma la Direzione Hr: in aumento il budget Ict a disposizione nel 29% delle aziende. Evolve il processo di talent management: Hr analytics, social network professionali e performance management sono gli strumenti più efficaci per selezionare, far crescere e valorizzare i talenti.